Se volete inviarmi delle foto o dei video rigorosamente sul tema, e vederli pubblicati potete inviarle all'indirizzo man-tgx@hotmail.it sicuri di avere l'approvazione dei ripresi.

venerdì 31 maggio 2013

ETERO II°


Un minuto di silenzio che sembrava un eternità, io non sapevo dove guardare, scostai la tenda per fare entrare un d'aria fresca, e una luce dei lampioni illuminò il viso di Davide, splendido, nelle mie fantasie un toro da monta. Senza dire niente, e con il cazzo ancora eretto Davide allungò una mano e prese ad accarezzarmi il viso, poi scese sul petto e mi tocco i muscoli e i capezzoli, che subito diventarono duri e eretti, sei liscio, come una donna, hai poco pelo ed è morbido, Alcace, è la prima volta che sfioro un uomo in questo modo, non mi era mai capitato, la sensazione è diversa che toccare una donna, certo, le tette sono una cosa meravigliosa da stringere e leccare i capezzoli morbidi e grossi, i tuoi sembrano sassolini ma duri, mi viene voglia di morsicarli per sentire come sono.
Fai pure risposi, e lui delicatamente si pronò verso di me e mi prese un capezzolo in bocca e cominciò a mordicchiarlo, ma senza farmi male, io ero eccitatissimo, mugolavo di piacere, presi la sua testa fra le mani e lo trattenni in quella posizione, che mi permetteva di succhiarli l'orecchio e di slinguarlo fino dentro e a questo punto lui cedette quasi come se fosse in coma, alzo la testa e la mia bocca era ad un centimetro dalla sua.
I nostri respiri si incrociavano come i nostri sguardi, non ci volle niente, le labbra si toccarono e subito le lingue si cercarono in un furioso balletto.
Un bacio appassionato che durò moltissimo, non so quanto ma era splendido, lui così maschio, possente, virile, duro, orso era poi un bambino che triste cercava le coccole.
Ci stendemmo e io più leggero ero sopra di lui, ancora adesso che ci penso e sto scrivendo il mio cazzo è duro come il marmo e a voglia di esplodere, Davide sei un cosa meravigliosa, però mi stai prendendo in giro, non può essere che non sei mai stato con un uomo?
No non ti sto prendendo in giro, è la verità, mai con nessuno, ma tu hai qualcosa di diverso di quelle checce che bussano ai vetri, o i frocioni che si atteggiano a vamp, tu sei uomo quanto me, certo più giovane, bello, pulito ma sempre uomo, e questo mi sta eccitando.
Mi inginocchiai fra le sue gambe aperte, presi a leccargli i capezzoli cercandoli tra il pelo folto, e poi scesi baciandogli l'ombelico e più giù fino a riprendere in bocca il suo pilone.
Al, che gusto ha? Sai la figa e acidognola, e se umida è sbrodolosa, è buona ma non tutte hanno lo stesso gusto, il cazzo com'è?
Non mi dire che non ti sei mai bevuto la tua sborra, o leccato l'umore che esce prima, il nettare dell'amore? 
No mai.
Mi alzo e mi sposto sul suo petto mettendogli davanti il mio pene che eretto gocciava di umore. Assaggia, senza paura se non ti piace lascia stare, Davide allungo la lingua e tocco il fondo del cazzo e raccolse l'umore che colava in abbondanza, essendo denso e viscido questo non si staccava dal pene, e un filo di seta prese a correre tra la sua lingua e il mio glande, succhialo, e gustalo, o meglio prova a prenderlo in bocca così lo gusti di più. 
Davide senza dire niente,aprì la bocca e molto delicatamente accolse il mio cazzo all'interno, restando immobile, su senza paura dissi, assaggia bene, è duro ma allo stesso tempo è morbido, proprio come il tuo, e come quando lo tieni nelle mani, prese coraggio e comincio a gustarlo.
Da prima lentamente, senza sentirlo quasi avesse paura o non volesse farmi male, poi via via ci prese gusto nel sentire la carne fremere e muoversi nella sua bocca e comincio a succhiare e a deglutire la saliva che inumidiva il mio membro.
Ei adesso respira, mollalo se no mi fai venire.
Alcace non avevo mai provato una sensazione così, ho il cazzo che è una pietra, a leccare una figa si è bello ma non come succhiare un cazzo, capisco adesso perchè ti bussano ai finestrini per farti un pompino, cazzo,cazzo, un imprecazione di rabbia.
Alcace stenditi, voglio provare un 69, ma Davide la cuccetta è piccola per metterci uno accanto all'altro, ti devo venire io su, che sono leggero e tu sotto. Ok, mi metto giù e tu mi vieni sopra, cosi si fece, e in un attimo avevamo la bocca riempita a vicenda, io con una certa difficoltà visto la grandezza lui un po' impacciato, pochi colpi e si venne assieme, e tutte e due bevemmo il nettare del paradiso.
Mi alzo e mi siedo sul sedile del passeggero, Davide in quello dell'autista, e cominciammo a parlare, lui mi chiedeva come avevo cominciato, e da quanto tempo mi divertivo così, io se non stava prendendomi in giro dicendo che era vergine in tutti i sensi su questi discorsi, Davide come posso credere un così bell'uomo maschio, virile non ti sono,venuti dietro e magari anche soddisfatto.
Lui imperterrito, si mi si appiccicano come le mosche sulla merda, ma io mai, una volta uno l'ho preso a botte perché si era aggrappato allo specchio retrovisore salendo sul predellino, staccandomelo, cazzo quello se lo ricorda fin che scampa di quante ne ha prese, ma ti ripeto questa è la prima volta che tocco un altro cazzo che non sia il mio. Andammo avanti per alcune ore a parlare , si erano fatte le tre del mattino, era ora di andare a dormire, domani la sveglia suonava presto e bisognava partire, mi rivesto e scendo dal camion, lui anche io intanto lo tiro fuori per pisciare contro la ruota del camion che era posteggiato vicino ma dall'altra parte, e allo stesso tempo Davide incomincia anche lui a pisciare, finito all'unisono ci simscrolla le poche gocce rimaste e si ritira il pacco, che però a me vedendo quello di Davide in un secondo mi ritorna duro come la pietra, lui se ne accorge e si mette a ridere, ma non ne hai mai abbastanza, Davide, non per dire ma io ho 29 anni e scoperei tutto il giorno, e lui scoperesti o ti faresti scopare? A quelle parole i miei pantaloncini erano a terra e presi fra le mani il pacco di Davide e lo leccai, immediatamente la, reazione fu di vederlo gonfiare e pulsare, tu che non hai mai scopato perchè non provi adesso?
Qui, in piedi, e se ci vede qualcuno? Dai sputai in mano e mi inumidii il buco, e prendendolo fra le mani appoggiai la sua cappella sul mio buchino e gli dissi di spingere piano.
Sentii il calore che puntava sul buco, Davide cercò di entrare, ma il suo cazzo era troppo grosso, e non si riusciva ad allargare il buco, dovette resistere, ma l'eccitazione a questo punto era notevole, allora salii in cabina e presi un tubo di crema per le mani, scesi e cominciai a spalmare il cazzo con la crema e poi ne misi un pò sul culo, e ricominciammo il tentativo, lui lo appoggiò e cominciò a spingere lentamente mentre io cercavo con le mani di allargare l'orifizio, sentii che la sua cappella entrare e a denti stretti per non farmi sentire da nessuNo FERMATI e lasciami respirare, non uscire stai fermo e in un attimo mi ripresi e dai Davide spingilo piano piano e vedrai che entra, il dolore era tremendo, ma a denti stretti resistevo.
Era notevole, io ero alle prime armi, e non avevo mai preso niente di così grande, si giocavo ma non cercavo certo di farmi fare, ma questa situazione era incredibile, e allora con un colpo assestato lui entrò fino alle palle, e un secondo dopo sentii un calore infodermi dentro il retto, pensai cazzo qui mi ha rotto tutto e io sto perdendo sangue, Davide cosa senti? 
Alcace sono già venuto, stai fermo lasciami stare un attimo così.
Era la sua sborra che sentivo, tirai un sospiro di sollievo, e piano piano quel palo che era entrato così in fondo lo sentii diventare più morbido e più piacevole, lo fece uscire e io mi accovacciai con il bisogno di defecare. 
Non feci niente, solo l'umore di Davide in un abbondanza, ma quanto ne hai fatto? Alcace è stata una cosa stranissima, non mi era capitato, io duro in media una decina di minuti a pompare una figa, ma due colpi e venire non mi era mai successo, mi piacerebbe rifarlo per vedere cosa mi succede.
E no caro mio adesso non posso, mi fa un male cane, e qui non si entra più.
Ma dai Alcace, saliamo su e mettiamoci comodi e vedrai che ci mettiamo d'accordo sul da farsi, raccolsi i pantaloncini e salimmo sul camion di Davide, mi stesi sulla cuccetta e lui mi si mise a fianco, mi guardava il viso fissandomi gli occhi, e teneramente mi prese tra le mani il viso e accostando le sue labbra alle mie mi diede un bacio appassionato e lungo.
Un bacio che me lo ricordo, un bacio dato con amore e non con libidine.
Ma cosa mi sta succedendo, ho quasi quarant'anni e per la prima volta sono in paradiso, questa notte mi hai fatto toccare il cielo con un cazzo. 
Io e Davide siamo diventati amici, ogni tanto ci telefoniamo e ci troviamo in giro per l'Italia, certo lui non è più vergine, e io ne sono felice, ma questa è un altra storia.

venerdì 17 maggio 2013

Davide, un camionista etero.


Voglio raccontarvi un'avventura alle mie prime armi.
Era la fine di Giugno tornavo da Bologna in direzione Milano, faceva caldo, le ombre incominciavano ad allungarsi e il sole rosso al tramonto illuminava l'autostrada facendola sembrare una lingua arrossata vogliosa di essere leccata.
Arrivo all'area di sosta di Fontanellato, (prima della costruzione del passante ferroviario era una splendida occasione in tutti i sensi), entro, è piena, non vedo un posto, cazzo devo andarmene ma mentre io cercavo un collega usciva lasciandomi il posto vicino ad un vecchio Turbostar. Io allora guidavo uno Scania 142 Rosso moderno per quegli anni, ma ancora senza aria condizionata, quindi si guidava mezzi nudi, mi sistemo accanto all'altezza del finestrino del mio collega, camion che era chiuso con le tendine tirate.
Fontanellato era un area di sosta splendida, aveva i servizi con i cessi degli uomini con i fori per il pisello, aveva più piazzole anche discrete, e poi c'era la possibilità di andare in una trattoria appena fuori i cancelli che delimitavano l'area, e anche di passare l'autostrada dalla parte opposta passando sul ponte adiacente.
Che permetteva di andare a battere dall'altra parte senza essere visti salire o scendere dal camion, e ovviamente cosa più difficile fare sesso con i colleghi.
Mi sistemo, mi lavo e infilo i pantaloncini corti e una maglietta pulita, calzo le SUPERGA bianche e mi avvio alla trattoria.
Salve vorrei cenare, una signora di mezza età grassa e scorbutica si fa avanti e mi dice che sono pieni, e se volevo o aspettavo una mezzoretta o mi sedevo con qualcuno, non c'è problema se mi siedo con lei? Domando ad un orso che non ha ancora cominciato a cenare.
Davide, così si chiamava alza la testa e cortesemente annuisce e mi invita a sedermi, grazie rispondo e porgendogli la mano lo saluto presentandomi, Alcace, lui Davide, e mi siedo.
Quando sono seduto difronte e lui mi guarda il sangue mi ribolle e quasi non riesco più a parlare.
Occhi azzurro chiaro, capelli rasati castani con un pizzetto corto che contornava una bocca carnosa lasciando intravedere una dentatura bianchissima, collo taurino con catena d'oro e una canotta nera che metteva in risalto la muscolatura possente ma non eccessiva che non voleva dire che era palestrato ma che quelli erano tutti naturali.
Ordino la cena e cominciamo a chiacchierare.
Alcace, scusa ma cosa vuol dire questo nome? Mi chiede, niente di particolare, i miei erano un po strani, e hanno vissuto per parecchio tempo in Turchia, e questo è un assonanza di un nome turco che voleva dire azzurro, e dicendomi questo mi fissava negli occhi, imbarazzandomi, e continua, tu non sei un camionista, sei troppo elegante, mani pulite e ordinate orologio prezioso e, lo interruppi e appoggiando le chiavi dello Scania sul tavolo, sbagliato, sono un camionaro e ne vado fiero, anche mio padre lo è e mio fratello idem.
Scusa, non prendertela ma sai qui tu ti siedi e subito arriva qualcuno a rompere, sai che questa piazzola è piena di "froci",e tu non mi sembravi proprio uno di noi, Davide non capisco, cosa vuoi dire con uno di noi?
Alcace, dico che tu sembravi più un gay che un camionista, dai comunque finiamola di dire stronzate e beviamo su.
Prendiamo i bicchieri e brindiamo, e brindiamo e uno dopo l'altro Davide si scola due bottiglie di vino, finiamo di cenare beviamo il caffè con ammazzacaffè, e in questa serata si parla di tutto ma di più di figa, una in tutte le città e non si può vivere senza. Queste in breve sono le parole di Davide, un uomo tutto di un pezzo, con il cazzo sempre pronto a spaccare ogni verginella che si presenta davanti.
Paghiamo, usciamo e ci incamminiamo nel parcheggio dove ormai è buio e quasi tutti dormono, solo qualche cabina a le tende aperte e i finestrini abbassati per poter resistere all'afa, Davide a malapena si regge in piede, sbiascica, si capisce che è ubriaco o comunque alticcio,dove sei posteggiato le chiedo, non mi ricordo forse là in fondo, dai ti accompagno.
No non è qui, il mio camion non c'è, ma Davide che barra hai. Lui un Turbostar grigio telonato, allora forse so dove è, e lo accompagno al suo mezzo, che era proprio in fianco al mio.
Davide è questo? Si prende le chiavi ma non riesce ad aprirlo, lascia faccio io, gli apro lo sportello e le chiedo se devo aiutarlo a salire, no Al, ce la faccio da solo, e poi prima devo pisciare e lavarmi un po, e detto fatto incomincia a spogliarsi, si toglie la canottiera mettendo a nudo un fisico splendido, un pelo abbondante su tutto il ventre e con due capezzoli da mordere, senza preoccuparsi slaccia la cintura e si toglie anche i pantaloni assieme alle mutande, o forse non le aveva, e rimane nudo, splendido anche con poca luce un culo con due glutei sodi e ricoperti da un pelo vellutato, a quella vista io mi arrapo moltissimo e il mio cazzo era diventato durissimo e mi faceva male, dovevo liberarlo.
Davide come se niente fosse, si mette fra la motrice e il rimorchio e prende fra le mani un pisello di notevoli dimensioni, barzotto, con una cappella illuminata dalla luna di una bellezza golosa, e comincia a fare una pisciata da cascata.
Finito apre la piccola cisterna e barcollando si lava l'uccello, il culo, e poi tenendosi alla portiera i piedi.
Fa tutto senza neanche vedermi come se fosse in estasi, cerca poi di salire ma fa fatica ed quasi cade, allora io da dietro lo sorreggo e lo spingo in cabina, lui a tentoni riesce a stendersi sulla cuccetta, e in un attimo di lucidità mi chiede se gli abbasso i finestrini e chiudo il camion mettendo poi le chiavi sul sedile, in modo che alla mattina le ritrovava.
Io ormai, dopo averlo spinto da dietro e toccato quel suo pelo per mè in resistibile mi accorgo che sono venuto nelle mutande senza neanche menarmelo, ero strano, mi siedo alla guida e accendo il quadro per tirare giù i finestrini, mi giro e vedo Davide che sdraiato supino si era addormentato profondamente, e che il suo cazzo non era moscio, ma forse era così solido perché è notevole. Mi giro lo guardo, non resisto lo tocco, prendo in mano il suo pisellone e comincio a stringerlo e Davide non da segni di vita, prendo coraggio mi spoglio, mi asciugo lo sperma che aveva inondato le mie mutande, e nudo mi metto a cavalcioni di Davide e comincio a succhiare quel suo enorme cazzo.
Un pensiero, se si sveglia questo mi uccide, ma va non ti uccide ti fa continuare, penso fra me e me, la mia eccitazione era altissima e quindi continuo a succhiare la cappella che era l'unica cosa che riuscivo a prendere in bocca, era veramente enorme, e al mio contatto questo prende vita e si gonfia diventando magicamente un palo, non lungo ma tosto, una ventina di cm. di terrore.
Si muove e borbotta qualcosa che non capisco, si distende e mettte le mani incrociate dietro la testa, e accenna un sorriso, io lo guardo è sempre più bello, mi rimetto a succhiare e il suo cazzo diventa sempre più duro e freme di piacere, e due colpi e mi si riempie la bocca di sperma, acre caldo e vischioso, che ingoio avidamente lasciando la cappella linda e morbida (20 anni fà si poteva ancora bere il nettare, AIDS non era ancora una peste).
Un fremito, Davide apre gli occhi e sobbalza, un colpo di reni e si siede sulla brandina sbigottito, MA CHE CAZZO FAI?
Ma sei scemo, tutta la sbornia è passata in un attimo, io rimango impietrito.
Cosa ci fai tutto nudo qui in cabina, io balbettando, niente, ti ho messo a letto perché non riuscivi a salire, ok, ma perché sei nudo?, perché mi sono bagnato e quindi dovevo spogliarmi per non sporcare dappertutto, e poi vedendoti così mi hai eccitato e non ho saputo resistere e ti ho fatto una pompa. Tu cosa, si hai capito beno ti ho fatto un pompino e ho bevuto tutta la tua sborra, ma che cazzo stai dicendo, io sono venuto?
Si, stai scherzando vero, no e tutto vero.
Rimane ammutolito, mi guarda, si tocca il pene se lo guarda e lo strizza, e una piccola goccia biancastra esce dall'orifizio, o cazzo ma io sono proprio venuto, e sei stato tu.
Si ti ho succhiato il cazzo fino a farti venire, e io non mi sono accorto? Non so ribatto avevi un aria felice, sembrava che ti piaceva, Davide a quel punto prese a ridere, ti avevo dato del frocio e a quanto pare non mi ero sbagliato! Ma tu allora lo sei davvero. «negare negare sempre» Io non sono un frocio come dici tu, eventualmente mi puoi definire bisex, mi piacciono le donne tante vero che sono sposato, ma mi piacciono i maschi non gli uomini, i maschi come te, quelli mi eccitano e sono pronto a fare sesso con loro in qualunque modo. Vorresti dire che ti fai anche scopare? Ero arrapato da quei discorsi, e si vedeva bene, ma non sapevo cosa rispondere, se dicevo di si e lui voleva farlo? Chi prendeva quell'arnese, e se dicevo no mi avrebbe dato del bugiardo e calunniato con i colleghi? Tacqui, lui incalzò, rispondimi, io non ho mai fatto sesso con un uomo, anche se su questa autostrada le occasioni non mancano e le checce ti bussano ai finestrini, io non ho mai fatto salire nessuno, e adesso che ho qui un bel esemplare cosa devo fare, buttarlo giù dal camion o scoparmelo? Incrociai le dita.