Se volete inviarmi delle foto o dei video rigorosamente sul tema, e vederli pubblicati potete inviarle all'indirizzo man-tgx@hotmail.it sicuri di avere l'approvazione dei ripresi.

venerdì 15 febbraio 2013

ATTENTI OCCHI APERTI.


Sono qui solo che guido da almeno tre ore, mi sono rotto la musica non mi fa più compagnia, la radio è spenta come il CB, sono incazzato, allo scarico mi hanno fatto mille problemi per l'ora di arrivo, cosa ci posso fare io se nevica e c'è traffico ho bisogno di distrarmi un po', altrimenti non arrivo più a Bassano.
Sono quasi a Brescia quasi quasi prendo la A21 direzione Piacenza e mi fermò sulla piazzola di Manerbio, li ogni tanto si cucca.
Freccia e prendo la A21, sono quasi le 17.00 ora buona crepuscola, e presto sarà buio, passo l’area di servizio e entro nell’area di sosta, sono solo,posteggio a sinistra vicino alla siepe e tiro le tende lasciando uno spiraglio per vedere se arriva qualcuno. Passano pochi minuti e si ferma uno Scania nero con il grifone argento, splendido, non vedo la targa, e lui piano piano posteggia proprio a fianco del mio MAN appena più avanti così io non vedo dentro la cabina.
Cazzo non poteva fermarsi prima, ma mentre mi sporgo per vedere noto il lampeggiante della Polstrada e un poliziotto che si affianca allo sportello e le chiede i documenti, vedo solo un braccio muscoloso e peloso che porge il libretto al poliziotto, chiudo la tenda e mi sdraio, passa una bella mezz'ora e sento chiaramente uno che saluta e uno sportello sbattere violentemente.
Tiro la tenda, e guardo nello specchietto, si vede poco, è ormai buio la poca luce esalta uno zampillo all’altezza della ruota davanti, abbasso il finestrino e prendo uno straccio per pulire lo specchio, lui non si muove continua a pisciare, io faccio finta di niente pulisco il vetro e mi sporgo per arrivare meglio a quello piccolo, e lo vedo bene. 
Lui alza gli occhi verso di me si accorgere di essere osservato e senza pudore incomincia a scrollarlo facendolo dondolare in modo morbido, poi sorridendomi lo ripone con delicatezza in una tratta a bottoni di un paio di geans attillati, che mettevano in risalto il pacco e la muscolatura delle coscie.
Ciao, hai visto mi hanno fatto un culo a mandolino, perché ero fuori le ore, adesso devo fermarmi qui per il riposo perché se prendo un altro verbale il mio capo me lo fa pagare a me, anch’io mi fermo per la sosta cosa dobbiamo fare.
Intanto si fermano un paio di macchine, e scendono gli autisti e cominciano a girare intorno ai camion guardando vogliosi noi camionisti, io chiudo il finestrino senza fare parola, e lui sale in cabina tira le tende lasciando quella di sinistra aperta, accende la luce e si sistema, apre il PC e si mette a smanettare sui tasti, io a mia volta lasciò anch'io la tenda aperta e accendo il Pad, per controllare il Blog.
Ogni tanto sbircio verso la sua cabina, ma niente da dire, continua a controllare Facebook, io apro il Blog e controllo i commenti, e apro delle foto che vorrei inserire, essendo io seduto sul sedile del passeggero, e schierato al finestrino LUI dalla sua cabina può vedere bene cosa vedo, e io ho posizionato lo specchio in modo da vedere se lui mi guarda. E non passa molto che lo vedo lumare cosa guardo, sto facendo passare le foto di colleghi che pisciano vicino alle ruote, foto che mi attizzano, quindi per star comodo sbottono i pantaloni e mi metto in modo che si potesse vedere la cintura ben slacciata.
Sento bussare al finestrino, ei le hai fatte tu quelle foto?,mi girò e abbasso il finestrino, dimmi? Volevo sapere se avevi scattato tu quelle foto, alcune io altre le ho scaricate da internet, l’hai scattata anche a me mentre pisciavo, no ma avrei voluto.
Ti piace fotografare cazzi?
Mi piace tutto quello che mi eccita, e vedere un cazzo o una figa al naturale mi eccita e se ho per le mani una macchina fotografica scatto una foto. E senza pudore "vuoi scattarmi una foto al mio pisellone" sbottona i pantaloni e tira fuori un arnese stupefacente, che prima al buio non avevo visto bene, anche perché in movimento e moscio, adesso era quasi in tiro, circonciso, bello con una cappella rosea di quelle a fungo, con le vene palpitanti insomma perfetto, prendo la macchina e inquadro quel bendidio, e non mi accorgo che il mio si rizza e spunta dalle mutande, scatto alcune immagini e senza inquadrarlo in volto, giro la macchina e gli faccio vedere gli scatti, scusa ma non ci siamo presentati, io mi chiamo Danilo, e tu? Io Alcace, che strano nome, diverso ma armonico, dai fammi vedere le foto, ma anche tu meriteresti delle foto hai un cazzo che non è niente male, spunta dalle mutande, e da qui si vede che è umido di piacere e in tiro, hai voglia di divertirti?
Certo, non me lo faccio dire due volte, e i un secondo mi tolgo tutto e resto nudo,e lui si catapulta dentro alla mia cabina e anche lui rimane nudo in un attimo.
Passammo una serata facendo di tutto non capivo più dove cominciava il mio cazzo e dove finiva il suo, eravamo una cosa sola, il piacere era alle stelle, inutile dire cosa abbiamo fatto e più breve dire cosa non abbiamo fatto.
Stanco, mi sono addormentato spossato ma felice esausto ma sazio, ma al risveglio amara sorpresa, ero nudo come un verme e la mia cabina ripulita come quando la mia donna delle pulizie riordina la mia casa, non so come ha fatto ad addormentarmi ma mi ha drogato, era mattina tarda e ero solo nel parcheggio, e lui si era portato via tutto, lasciando solo i documenti i pantaloncini corti, mi ha rubato anche le mutande le scarpe e tutta la mia attrezzatura tecnica.
Una scolpata che mi è costata come una revisione del MAN.
ATTENTI A CHI FATE SALIRE SUL VOSTRO CAMION, E ANCHE SULLE VOSTRE AUTO.

Ogni tanto capita.







In Autogril.


Un nuovo autista. Splendido



QUALCHE VIDEO FAI DA TE.

video
video